NaonisCon 2018: Passo e chiudo

Per il Club Inner Circle – Panorama l’edizione 2018 di NaonisCon è stata impegnativa, tanti piccoli cambiamenti, collaborazioni ed esperimenti ci hanno provato duramente e il risultato lo avete potuto giudicare con i vostri occhi Domenica.
Grazie a tutti quindi, in migliaia avete scelto noi sopra le numerose interessantissime iniziative vicine e lontane. Ci avete accordato la vostra fiducia ancora una volta e speriamo di non aver deluso.

È la passione a spingerci in questa titanica impresa da 23 anni e i complimenti e ringraziamenti ricevuti, sono sempre la più grande delle soddisfazioni, quest’anno ne abbiamo ricevuti davvero tantissimi.

Grazie agli ospiti che sono intervenuti Sabato pomeriggio all’iniziativa Idee Che Divertono e che poi hanno passato la giornata di Domenica con noi: la community Fanacea, Alan Mattiassi, Spartaco Albertarelli, Valentino Sergi, Paolo Cossi, Luca Salvagno, Vincenzo Bottecchia e tutta l’associazione Màcheri.

Grazie a Davide Perconti e Fabio Babich per aver ulteriormente impreziosito la nostra area Autori con il loro talento, affiancati da circa un centinaio di fumettisti, ideatori di giochi, illustratori e scrittori, grazie anche a loro e alla Scuola del Fumetto di Milano per i suoi interessantissimi workshop.

Grazie a CosTrive per aver gestito ancora una volta la strepitosa gara Cosplay, alle nostre simpaticissime ospiti Sunymao, LittleJem e Shadowings e ancora a Combat & Choreography Saber Udine, Prizmatec e Star Wars Cosplay Treviso, a BuBbLe PiXiE che si è presa cura dei nostri visitatori più giovani e a Steampunk Nord-Est che ha permesso la nascita dell’area Steampunk e Goth, che speriamo diventerà una presenza fissa della nostra manifestazione.

Grazie ad Associazione Culturale Giapponese Yume per lo splendido lavoro con l’Area Giappone e ai maestri intervenuti: Diego Togni, Fiore De Mattia, Ingrid Ingrassia, Makiko Wakita, Mami Hamada, Naomi Yamamoto e Veronica Piccolo. Grazie al Sakura Bonsai Club e al Ooji no Yume – Maid Cafe.

Grazie a tutti i ragazzi dell’area videogiochi, dal Team retrogaming 12 bit Trieste ai Naonian Retrogaming Society, finendo con Edi Musso e Stay Nerd che hanno reso possibile l’area Stranger Games del Club Inner Circle.

Grazie a coloro che hanno animato le aree di gioco libero, lo spazio per cui NaonisCon è nata: Coccinelle Rosa, Costola dei Barbari, La Tana dei Goblin Palmanova, La Torre Arcana, l’associazione Spadoni & Cannoni e il Foro Ludico Spilimberghese.

Grazie alla Pro loco Prade Cicona Zortea, alla Pro Loco Pescincanna e alla Parrocchia di S. Gregorio, che dietro le quinte ci hanno aiutato a rendere possibile la manifestazione e a Max Gambin e Secondiano Del Savio che all’ultimo minuto sono corsi in nostro soccorso a sostituire il nostro fotografo ufficiale!

Infine vi ricordiamo il Club Inner Circle è aperto tutto l’anno nelle giornate di Giovedì dalle ore 21.00 e di Sabato dalle 15:00 alle 19:30.
Siete tutti invitati a passare a salutarci e giocare con noi.

E con questo è davvero tutto anche per quest’anno, arrivederci a tutti al 2019!

Il fumetto racconta la Grande Guerra

Il 19 Maggio 2018 alle ore 18:45 presso l’Ex Convento S.Francesco a Pordenone (ingresso in Via S. Francesco) si svolgerà la conferenza dedicata al fumetto che racconta la Grande Guerra.

Il dramma, le vicissitudini e le persone, narrate con il fumetto.
L’evento sarà gratuito e siete tutti invitati a partecipare

Relatori: Paolo Cossi e Luca Salvagno. Modera: Vincenzo Bottecchia dell’Associazione Màcheri.

Paolo Cossi e Luca Salvagno propongono un viaggio di riflessione sugli avvenimenti legati alla Prima Guerra Mondiale, raccontando, attraverso parole ed immagini, il dramma e le dimensioni della sopravvivenza umana.

L’incontro si distingue in due momenti: il primo è una conferenza dal titolo Il fumetto racconta la Grande Guerra in cui i due autori di fama nazionale ed internazionale collaboreranno nella presentazione dei loro progetti, il secondo è costituito da ben due mostre allestite all’interno di NaonisCon il 20 maggio.

È possibile assistere ad un’anteprima delle due esposizioni durante la conferenza del 19 Maggio. Si ringrazia la Pro Loco Prade Cicona Zortea per aver messo a disposizione le tavole.

La mostra Il Fronte di Fronte

Realizzata da Hazard edizioni, racconta, in modo originale e da angolazioni differenti, gli avvenimenti salienti del conflitto incentrandosi sulla storia delle persone. È uno spunto di riflessione verso una Pace tra i popoli, dove il dialogo è l’unico modo per sconfiggere la sopraffazione.

Alla mostra sono esposte le pagine della graphic novel 1914, Io mi rifiuto! di Paolo Cossi, susseguita da una raccolta documentale e iconografica relativa a fatti, personaggi e luoghi della Grande Guerra, in particolare il Trentino e le Valli di Primiero e Vanoi. Illustrazioni, vignette satiriche, fumetti e manifesti dell’epoca, pubblicati dalle più importanti testate, scomodando grandi maestri come Antonio Rubino, Attilio Mussino, Umberto Brunelleschi, Giuseppe Mazzoni, Enrico Sacchetti e ancora Pratt, Battaglia, Toppi, Micheluzzi, Tacconi e Shulz.

Il progetto

Il Progetto Il Fronte di Fronte intende raccontare gli accadimenti della Grande Guerra attraverso lo strumento del fumetto e con uno sguardo a diverse formule comunicative. Ideato da Marco Felici, presidente del Consorzio Turistico Vanoi, e da Vincenzo Bottecchia, curatore e ideatore di Cicona Fumetto, ha ricevuto il riconoscimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri per gli eventi legati alla Grande Guerra.

L’autore

Paolo Cossi nasce a Pordenone nel 1980. È un fumettista di fama internazionale, infatti è il primo autore a ricevere il premio Condorcet Aron per la democrazia, conferito dal parlamento della comunità francese del Belgio, e i suoi libri sono stati tradotti in svariate lingue e pubblicati in diversi Paesi europei e non.
È presidente dell’Associazione Màcheri che gestisce l’Archivio del fumetto d’Alta Quota Paolo Cossi ad Andreis, Pordenone.

La mostra Sanguanel De Refavaie ovvero Saverio nella terra di nessuno

Alla mostra è presentato il lavoro di Luca Salvagno, uscito a puntate sulle pagine del Messaggero dei ragazzi, e informazioni di carattere storico/giornalistico degli avvenimenti narrati.

Siamo sul confine italino/austriaco del Sud Tirolo tra il 1914 e il 1916, nelle Valli dei Vanoi e Lozen. Qui prendono vita le avventure di Saverio Gobber, ragazzo che ha vissuto la triste vicenda del primo conflitto mondiale sulla propria pelle.

Mescolando racconto e fantasia, narra la storia di alcune comunità poste sulle pendici di catene montuose e diventate “terra di nessuno”. Nella storia si incontrano non solo l’umanità reale e quotidiana ma fanno incursioni continue anche personaggi fantastici, legati alle tradizioni locali.

L’autore

Luca Salvagno nasce a Chioggia nel 1962. La passione per il fumetto lo porta ad esordire come colorista delle ultime tavole del maestro Jacovitti e, in seguito, a continuare il personaggio di Cocco Bill, realizzando sceneggiature e disegni.
Nel 1988 comincia a pubblicare fumetti e illustrazioni sul Messaggero dei Ragazzi edito a Padova e in seguito collabora con il Giornalino di Milano, passando da storie umoristiche a storie di avventura.
Ora è docente di discipline pittoriche al Liceo Artistico di Este.

Game: Backstage

Il 19 Maggio 2018 alle ore 17:30 presso l’Ex Convento S.Francesco a Pordenone (ingresso in Via S. Francesco) si svolgerà la conferenza dedicata al game design

Dietro le quinte del gioco: dal game design alla psicologia.
L’evento sarà gratuito e siete tutti invitati a partecipare

Relatori: Spartaco Albertarelli e Alan Mattiassi. Modera: Valentino Sergi.

Spartaco Albertarelli

Spartaco Albertarelli, 55 anni, la maggior parte dei quali trascorsi a progettare giochi professionalmente. Dal 1987 al 2009 è responsabile dello sviluppo delle linee di boardgame di Editrice Giochi, che comprendono Risiko, Monopoli e Scarabeo, ma anche D&D e tutti i giochi su licenza RAI.
Come game designer pubblica oltre 150 giochi, molti dei quali tradotti in diverse lingue, tra cui il cinese, il coreano e il giapponese. Oltre ad occuparsi di progettazione e design del gioco, fa parte di un gruppo internazionale dedicato allo studio dell’evoluzione dei giochi di tavoliere nella storia.
Da anni tiene corsi di game-design presso istituti come lo IED e lezioni universitarie sulla storia del gioco.
Dal 2012 è titolare di KaleidosGames, piccola casa editrice che prende il nome da Kaleidos, il suo titolo più famoso a livello internazionale, pubblicato per la prima volta nel 1995, risultato finalista dello Spiel des Jahres e vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali.

Alan Mattiassi

Alan Mattiassi ha ottenuto una laurea magistrale in Psicologia (con lode) presso l’Università di Trieste nel 2010 e un dottorato di ricerca in Comunicazione Multimediale presso l’Università di Udine nel 2015. Da allora, è docente incaricato dei corsi di Psicologia della Comunicazione e opera in qualità di assegnista di ricerca postdoc presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.
È anche ricercatore indipendente e consulente scientifico nell’ambito della ricerca su gioco, giocare e gamification da un punto di vista psicologico e neuro-cognitivo. E’ membro del comitato scientifico della “Tavola Esagonale” e di “PlayRes” ed è iscritto all’Ordine degli Psicologi.

Valentino Sergi

Valentino Sergi nasce a Sacile nel 1985. La sua carriera creativa inizia nella narrativa, a cavallo tra letteratura e fumetto, in parallelo all’attività giornalistica e agli studi in Comunicazione. In circa 12 anni di attività collabora con numerose case editrici come Edizioni XII, Nicola Pesce Editore, 001 Edizioni, Comma 22, ecc. in veste di autore, curatore, editor, ufficio stampa e/o responsabile marketing. Tra le tappe del suo percorso segnaliamo il premio speciale Slow Food dell’edizione 2010 del prestigioso concorso per racconti noir Lama & Trama, l’attività saggistica con Frank Miller – Il cavaliere di Hollywood e I Demoni di Mike Mignola (entrambi per NPE), la selezione del Lucca Project Contest con Storie di fantasmi cinesi, il volume Inferni – Venezia, la peste e l’uragano (premio per la grafica d’arte nel 2015) e il successo di Suicidium, irriverente gioco di carte realizzato in crowdfunding nel 2015 con la collaborazione di numerosi fumettisti e oggi in distribuzione nazionale con l’editore Dal Tenda.
Suicidium rappresenta altresì il primo prodotto dello studio di comunicazione e consulenza editoriale Officina Meningi, fondato da Valentino a Pordenone nel 2016, grazie al sostegno del premio BancaGiovani di Banca Popolare Friuladria per la migliore iniziativa di marketing nel territorio.

Da Skynet a Oasis

Il 19 Maggio 2018 alle ore 16:15 presso l’Ex Convento S.Francesco a Pordenone (ingresso in Via S. Francesco) si svolgerà la conferenza sul rapporto tra l’uomo e la macchina tecnologica. La community Fanacea proporrà un percorso cinematografico che ci condurrà verso il mondo di domani.
L’evento sarà gratuito e siete tutti invitati a partecipare.

Relatori: Enrico Fraioli e Luca Campagnaro. Modera: Davide Della Libera della Community Fanacea.

Il gruppo originale di Fanacea nasce dall’idea di sei menti figlie degli anni ’80: l’obiettivo era quello di aggregare amici con cui discutere di cultura nerd. La partecipazione e le voci si moltiplicano in breve e così si decide per la creazione di un sito che funga da vetrina ai contributi di tutti i membri.
A livello di “linea editoriale” non ci sono limitazioni tematiche, la cosa fondamentale è che ogni contributo sia ben articolato e scritto con passione. Questo perché non si ricercano le view, ma si prova ad offrire contenuti interessanti che magari stimolino la partecipazione e la produzione di nuovi articoli creando un circolo virtuoso che sbiadisca il confine tra utenti e creatori di contenuti.

Luca Campagnaro

Luca Campagnaro nasce nel 1987. È dj e organizzatore di eventi appassionato di fumetti, malato di musica e di videogiochi. L’unione di queste ultime due passioni gli ha consentito di sviluppare una certa conoscenza nel campo delle colonne sonore dei videogame, così ha deciso di migliorare il mondo una soundtrack alla volta.

Enrico Fraioli

Enrico Fraioli nasce nel 1986, è laureato in design a Venezia con percorso di interaction design. Si trasferisce a Shanghai dopo la laurea per lavorare ed ampliare la sua cultura sul mondo orientale, che ama. Ultimamente è tornato in Italia con un unico obiettivo: spiegare alla gente a cui non piace, o semplicemente non interessa particolarmente il cinema orientale, perché si sbaglia.

Davide Della Libera

Davide Della Libera nasce nel 1988, compagno di studi universitari di Enrico a Venezia.
Nel 2012 è stato ospite al festival della scienza di Genova con un’installazione sui frattali dinamici nell’ambito delle nuove tecnologie. Ha una forte opinione su più o meno tutto e nel tempo libero fa il monarca illuminato al comando di Fanacea.

Idee che divertono: Prima edizione

20 Maggio 2017 presso l’Ex Convento S.Francesco a Pordenone (ingresso in Via S. Francesco) si svolgeranno due conferenze incentrate su creatività e divertimento.

Tra Gioco e Fumetto, Idee che Divertono

Alle ore 16.30 gli autori raccontano i segreti dietro un’idea.
Relatori: Bigio, Roberto Pestrin, Saul Clemente e Alessandro Passoni. Modera: Valentino Sergi.

Bigio

Luigi “Bigio” Cecchi vive a Bracciano (Roma), è il disegnatore di Drizzit e The Author particolarmente attivo e apprezzato su Facebook, è anche ideatore di Drizzit – Gioco di Ruolo e scrittore de Il Karma del Pinolo.

Roberto Pestrin

Educatore da 15 anni e grazie a questa sua posizione, molto attivo nella divulgazione della cultura del gioco da tavolo tra i giovani. Presidente dell’associazione ludico culturale Coccinelle Rosa, nel 2015 pubblica il suo primo gioco: Dojo Kun.

Saul Clemente

Fondatore della neo Virtew è un appassionato di grafica 3D, ha conseguito due master presso la Big Rock e docente di corsi di grafica 3D presso la .LAB di Udine ed Enaip FVG. Negli ultimi mesi sta realizzando il videogioco in realtà virtuale Run of Mydan presto su Steam.

Alessandro Passoni

In quindici anni di esperienza in studi grafici matura un profondo interesse per la videografica e si dedica alla creazione di titoli e animazioni. Ha collaborato come direttore della fotografia, post-produzione e colorist, per tornare infine alla grafica 3D in real time, applicandovi le competenze acquisite in altri campi.

Valentino Sergi

In 12 anni di attività la sua carriera creativa si intreccia a quella giornalistica e di comunicazione, collabora con numerose case editrici in veste di autore, curatore, editor e ufficio stampa e partecipa a numerosi concorsi di narrativa e saggistica. Nel 2015 pubblica il suo primo gioco Suicidium e recentemente è stato annunciato il suo secondo gioco: Kafka’s Labyrinth.

Pixel Arts and Craft

Alle ore 18.30 in collaborazione con Retroacademy si parlerà dello sviluppo di videogiochi di ieri e di oggi e cosa vuol dire essere Indie Dev.
Relatore: Igor Imhoff. Modera: Fabrizio Radica.

Igor Imhoff

Artista indipendente che si occupa prevalentemente di immagine in movimento e sperimentazione video. La produzione, rivolta al digitale, relaziona varie competenze artistiche come pittura, video, animazione, videogame e musica, che negli ultimi tempi sono confluite nell’interattività e nel videomapping come la rievocazione, presso il Castello Svevo della “disfida di Barletta”, il mapping interattivo “Prometeo, il poema del fuoco” a Palazzo Zenobio a Venezia o il recente “Anafora” animato e dal vivo sulle pareti della Basilica di Siponto a Manfredonia.
Attualmente è docente di tecniche di Animazione Digitale e di Matte Painting presso l’accademia di Belle arti di Venezia, di animazione e modellazione 3d presso la “Scuola Internazionale di Comics” a Padova e al Master di I livello of Fine Arts in Filmmaking presso l’università Ca Foscari di Venezia.

Fabrizio Radica

Coder dall’età di 10 anni, ha sviluppato nel corso dei decenni attività e progetti sia nel mondo dell’arte che del gaming (su Amiga e PC).
Negli anni ’90 ha realizzato il primo sito internet Aprilia, vincendo il primo premio WWW del Sole24Ore, il primo di una lunga serie di premi. Ha sviluppato videogiochi e composto colonne sonore per conto terzi. È attualmente al lavoro su progetti per console, è Presidente dell’associazione Culturale RetroAcademy ed inoltre, collabora con Xteam Software Solutions di Rovigo nello sviluppo di progetti Europei in ambito di ricerca ed innovazione in campo medico, ambientale, turistico e culturale, utilizzando tecniche di gamification.